Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 12 Giugno - ore 12.51

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Asta record per una maglia dello Spezia anni Settanta

Battuta su eBay a 2.296 euro una casacca dell'annata 1977/78, con Nedo Sonetti in panchina. Un raro esemplare creato dall'azienda inglese Admiral con il numero 16 sulle spalle.

cimelio
Maglia dello Spezia anni 70

La Spezia - Nell'ultimo quarto d'ora di offerte, il prezzo si è impennato di oltre mille euro. E così la maglia da gioco dello Spezia, battuta ieri su eBay per la bellezza di 2.296 euro, rischia di diventare la più costosa di sempre mai aggiudicata ad un'asta online. Un esito inatteso, una cifra che di solito viene riservata a casacche indossate da campioni di fama internazionale. Invece questa volta un anonimo collezionista ha pesantemente messo mano al portafoglio per portarsi a casa una Admiral di fine anni Settanta utilizzata sui campi dell'ultima serie C a girone unico, prima della bipartizione della categoria.
Dal confronto con alcune foto d'epoca, si evince trattarsi di un esemplare risalente alla stagione 1977/78. Era lo Spezia allenato da Nedo Sonetti, in campo alcuni pezzi di storia del club come Motto, Giulietti, Bonanni, Fazio, Defraia e Seghezza solo per citarne alcuni. Un design pienamente di quei tempi: bianca con una banda a due strisce nera verticale sulla sinistra, maniche lunghe. Prodotta dall'azienda di Leicester, che in quegli anni divenne di culto quando vestiva buona parte della Premier League e la stessa nazionale inglese.

Quella venduta ieri porta il numero 16 sulle spalle. Non essendo allora la numerazione associata al singolo calciatore, difficile risalire a chi potrebbe averla indossata in campo. Si trattava con tutta probabilità di una riserva e con altrettanta probabilità di un centrocampista. Di solito, dopo il 12 dedicato al secondo portiere, i numeri seguivano in ordine crescente il posizionamento in campo dalla difesa verso l'attacco. L'annata vide lo Spezia chiudere settimo all'interno di un gruppone numeroso di avversarie toscane ed emiliane.
Preziosa, e quindi costosa, per una serie di motivi. In primis per essere vecchia di oltre quarant'anni. In seconda battuta, perché ai tempi le mute a disposizione dei club erano poche, a differenza di oggi, e quindi le maglie rare. Inoltre il materiale usato allora era la lanetta, meno duraturo dei sintetici di oggi, più soggetto a strappi, meno resistente ai lavaggi e in alcuni casi preda delle tarme. Non è infatti inusuale trovare quelle di seconda mano rattoppate o lise. E questo è parte del fascino che esercitano sui collezionisti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News