Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 13 Giugno - ore 17.29

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Se non qui dove? La Spezia punto di partenza del 'Sea Innovation Hub' | Video

Crèdit Agricole, Fondazione Carispezia e WyLab insieme a 'le village' di Milano per un progetto tutto ligure: così è partita la call per cercare le idee più innovative con impatto sull'economia del mare.

primi vagiti per 'NOWTILUS'
Se non qui dove? La Spezia punto di partenza del 'Sea Innovation Hub'

La Spezia - Ultimato un lavoro durato mesi e lanciato questa mattina, attraverso una partecipatissima web-conference, il progetto denominato ‘Nowtilus - Sea Innovation Hub’. Si tratta del primo percorso in Liguria dedicato al sostegno dell’innovazione e delle tecnologie legate all’economia del mare. Nata all’interno del Comitato Territoriale Liguria, l’organismo gestionale voluto e promosso da Crédit Agricole Italia per supportare la crescita del territorio, l'iniziativa è stata presentata dai promotori coinvolti: Crédit Agricole Italia, Fondazione Carispezia, Wylab e Le Village by Crédit Agricole Milano. L’intento è già sintetizzato nel gioco di parole del nome prescelto: realizzare un ‘incubatore temporaneo’ che rappresenti il primo vivaio dell’innovazione, in grado di scoprire e formare i futuri talenti e di lanciare le idee più promettenti in Liguria, a tutti gli effetti un perfetto laboratorio naturale di sperimentazione per l’economia del mare. Il progetto si è aperto ufficialmente oggi, con il lancio della Call for ideas, che durerà per quaranta giorni, sino al 5 giugno 2021. Quindi, tra il 15 e il 18 giugno, si terrà la presentazione ufficiale dei progetti selezionati, i quali parteciperanno al programma di incubazione, previsto nel periodo tra il 21 giugno e il 10 ottobre 2021. Le idee prescelte potranno usufruire di un percorso di business training, mentorship, tutorship, oltre che di workshop e di testimonianze. Al termine, ci sarà l’Investor day, con la presentazione dei vari progetti a una platea di potenziali investitori. Le prime parole non potevano che essere di Roberto Ghisellini, Vice Direttore Generale di Crédit Agricole Italia e "vecchia conoscenza" del territorio visto che per diversi anni ricopri il ruolo di direttore generale di Carispezia nella fase di transizione e nei primi anni di controllo del gruppo bancario francese: “L’iniziativa presentata oggi testimonia la capacità di fare squadra per la crescita. È proprio con questo spirito che nel 2019 abbiamo dato vita al Comitato Territoriale Liguria unendo le diverse anime economiche del territorio con la volontà di costruire progetti concreti rivolti allo sviluppo e all’innovazione: due temi strategici per la nostra Banca. Oggi parliamo di idee provenienti da imprese giovani e creative con focus sull’economia del mare: un settore che, se opportunamente sostenuto e accompagnato, può giocare un ruolo chiave nella ripresa. Intendiamo farci promotori delle potenzialità del territorio, in tanti casi inespresse, per creare innovazione e sviluppo sostenibile, a beneficio dell’intera comunità, con un’attenzione particolare ai talenti. All’interno di ‘Nowtilus, Sea Innovation Hub’ l’innovazione incontrerà le eccellenze locali a vantaggio di tutta la Regione Liguria grazie anche al network internazionale di Crédit Agricole e al forte coinvolgimento degli stakeholder e delle grandi aziende locali”. Per partecipare alla Call for ideas è sufficiente visitare il sito: seainnovationhub.it.

Dalla Spezia a Genova, passando per Milano. Il focus sono le idee, i progetti, le iniziative in fase ‘early stage’, con applicazione sull’economia del mare. Centro nevralgico di ‘Nowtilus - Sea Innovation Hub’, con patrocinio assicurato da Regione Liguria e Comune della Spezia, sarà proprio la città dell'estremo levante, punto di partenza per un progetto di respiro regionale e nazionale, che spazierà sul corridoio la Spezia, Genova, Milano e, di qui, al resto dell’Italia. Così Andrea Corradino, Presidente di Fondazione Carispezia, dichiara: “Con questa iniziativa e grazie alla vasta rete che la sostiene rispondiamo a un bisogno fondamentale del territorio: investire sulle idee, i progetti e la cultura imprenditoriale, in un settore strategico come quello dell’economia del mare. Prenderà forma un percorso triennale, con polo alla Spezia, in grado di scoprire, formare e sostenere i futuri talenti e far crescere così il settore delle startup e dell’innovazione in Liguria, consentendo di fare un passo in avanti nel contesto del panorama nazionale. Contribuire allo sviluppo e all’accelerazione di questo potenziale è, soprattutto in questo momento, un’azione che genera valore per tutta la comunità. L’aggregazione di una pluralità di attori tra loro complementari, tra cui investitori, istituzioni, aziende, università e incubatori, costituisce un modello virtuoso che può rafforzare la capacità strategica del nostro territorio di attrarre capitale umano eccellente con importanti ricadute economiche e sociali”. Saranno coinvolte le grandi aziende del territorio (in qualità di mentor, sponsor e potenziali clienti delle startup) e si cercheranno le idee più promettenti da acquisire o integrare attraverso uno specifico percorso di incubazione. ‘Nowtilus - Sea Innovation Hub’, il cui nome richiama il mitico fossile Nautilus e quindi la tradizione, ma con il prefisso Now che sta invece ad indicare la modernità, il senso del cogliere l’attimo e la vision verso il futuro, vuole essere assolutamente complementare rispetto ai soggetti e alle iniziative già presenti in Liguria sul tema dell’economia del mare, come Blue District - Casa della Tecnologia, Programma Digital Europe, Centro del Mare, Ocean Race, Progetto Ma.Re.

Traguardi possibili e aree interessate. Con un orizzonte temporale fissato a tre anni, ‘Nowtilus - Sea Innovation Hub’ si propone tutta una serie di precisi obiettivi. A partire dalla diffusione della cultura imprenditoriale, dell’innovazione e digitalizzazione in Liguria, passando per il coinvolgimento dei porti in un percorso di innovazione senza eguali nel nostro Paese. Identificare nuove tecnologie applicabili al comparto marittimo e sostenere il sistema dell’innovazione e delle startup in Liguria ma anche creare sinergie con le parti coinvolte per la risoluzione delle sfide che accomunano il settore. Porre infine le basi per lo sviluppo di un ecosistema votato all’innovazione dell’economia del mare. Nel primo anno ci si aspetta di vedere l’impatto che il programma può generare (validazione), mentre nel secondo anno è atteso l’effetto del potenziale di innovazione (accelerazione) e nel terzo si auspica di vedere più startup e aziende corporate coinvolte, con un aumento d’interesse a livello sia nazionale che internazionale (sviluppo). "E' una collaborazione importante - ha aggiunto Genziana Giacomelli, assessore comunale spezzina - perché risponde ad un bisogno primario. Il nostro territorio nella classifica sulla capacità di generare start-up innovative è addirittura 90esima su un centinaio di province. Ci sono competenze importanti, il nostro contributo sposa a pieno le idee legate all'innocazione della cosiddetta blue-economy. E' una partnership che arriva dopo un altro progetto per noi importante, il progetto M.A.R.E. che si concentra sulle professionalità e gli sbocchi occupazionali. Fondamentale sarà anche il ruolo di università e centri di ricerca presenti sul territorio, motori reali di ogni iniziativa". Individuate quattro macro aree, sotto il comune denominatore rappresentato dall’economia del mare: la cantieristica (materiali innovativi, manutenzione AR/VR, smart yard, safety at work, ottimizzazione / digitalizzazione processi); logistica & shipping (autonomous shipping, optimize sailing, smart ship, tecnologia blockchain per credito documentale, digitalizzazione servizi); sostenibilità ed energie rinnovabili (monitoraggio e riduzione delle emissioni, sostenibilità materiali, pulizia del mare, cold ironing, efficienza energetica); turismo (destination management, valorizzazione territorio, tracking & tracing ospiti, servizi di ospitalità, viaggiare sicuri).

Chi ne fa parte? Partner istituzionali dell’iniziativa sono: Regione Liguria, Città della Spezia, Confindustria Liguria e Confindustria La Spezia. Gli abilitatori sono: DIH - Digital Innovation Hub Liguria, Leyton, Polo Universitario Guglielmo Marconi, Università degli Studi di Genova e Istituto Italiano di Tecnologia (IIT). Le otto aziende sostenitrici che formano il Club dei Partner, Euroguarco, San Lorenzo, Costa Crociere Foundation, Duferco, Laghezza Customs & Logistics, Canarbino, Tarros Group, Rina, avranno un importante ruolo nell’arco dell’intero percorso, indirizzando la call attraverso l’indicazione delle sfide di business più rilevanti, entrando in gioco nella fase di scouting e selezione dei progetti, partecipando con i propri mentor ed esperti al programma di incubazione. Infine sarà possibile l’attivazione di progetti pilota con i team che avranno superato l’intenso business training previsto dal programma. Federico Smanio, CEO di Wylab, ha spiegato tecnicamente la forza di questa proposta che parte da una regione che ha sul mare un'azienda su dieci e una provincia, quella spezzina, che ne ha 13 su 100. Duecento chilometri di coste sono il miglior laboratorio naturale: “Siamo estremamente orgogliosi di aver aiutato Crédit Agricole Italia e Fondazione Carispezia a disegnare questo progetto che definisco tanto ambizioso quanto potenzialmente dirompente. La bontà della nostra idea è confermata dalla pronta ed ampia adesione di otto importanti aziende del settore che sono entrate a far parte del Club dei partner, allo stesso tempo destinatarie e sostenitrici dell’innovazione prodotta dai team selezionati. Siamo pronti a mettere in campo l’esperienza acquisita in 5 anni di intenso lavoro come incubatore di startup, in un percorso che si inquadra perfettamente nella visione di Wylab, quella di offrire un luogo, strumenti, metodi e persone a supporto dell’innovazione e dell’imprenditorialità della Liguria”.

Le Village di Milano: dal 2018 guida per 80 startup. Gabriella Scapicchio, Sindaco di Le Village by Crédit Agricole Milano, spiega: “Le Village by Crédit Agricole Milano è onorato di poter partecipare a questa iniziativa che concilia i tre asset portanti su cui si basa il nostro Ecosistema Aperto: Innovazione, Sostenibilità e Condivisione. La nostra realtà, dal 2018 ad oggi, grazie a più di 80 startup accompagnate e oltre 25 aziende sostenute nei loro processi di innovazione, ha costruito un know-how crescente che vogliamo mettere a disposizione del progetto per sostenere le giovani idee imprenditoriali. L’iniziativa si inserisce perfettamente tra le nostre priorità del 2021. Quest’anno, più di altri, abbiamo scelto di impegnarci insieme a Startup e Partner negli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, di cui il sesto dedicato ad acqua pulita e servizi igenico-sanitari e il quattordicesimo, vita sott’acqua, che si preoccupa della salvaguardia di oceani, mari e risorse marine per lo sviluppo sostenibile. Ringraziamo tutti gli interlocutori coinvolti in questo progetto, allineati al motto di Le Village ‘Collaborare per Innovare’”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Video

26/04/2021 - Progetto Nowtilus - Sea Innovation Hub: in un mare di idee cerchiamo la tua.



Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News